MASLOW E LA PIRAMIDE DEI BISOGNI

MASLOW E LA PIRAMIDE DEI BISOGNI

Si deve a Maslow la famosa classificazione della scala dei bisogni.

“Egli elaborò una classificazione gerarchica della motivazione: si parte dai bisogni primari e fisiologici, come cibo, #acqua, impulso sessuale, ecc., per poi giungere a quelli superiori ovvero stima, sicurezza, affetto, amore.

Solo dopo aver appagato i bisogni elementari l’individuo riesce ad esprimere esigenze di livello superiore”.

  • Sicurezza.
  • Appartenenza.
  • Stima.
  • Autorealizzazione.
  • Conoscenza e bisogni estetici.

Mi viene da pensare che la conoscenza e i bisogni estetici vengano prima della sicurezza, anzi, la pace dell’anima porta all’appartenenza, sapere di fare parte di qualcosa.

La soddisfazione della conoscenza e il saper vedere il bello attorno a sé, portano all’autorealizzazione e quindi alla stima e in un certo senso alla sicurezza.

La sicurezza alla fine, cos’é?

È sapere di poter stare tranquilli.

Anche la sicurezza quindi è un sapere e il sapere viene dato dalla conoscenza.

La paura, invece, è il contrario di tranquillità perché l’insicurezza viene data dallo stato di ansia che viene dato dallo stato di non conoscenza.

Conoscere – e riconoscere (il saper vedere) – portano alla realizzazione di sé.

Se non fosse altro che nel frattempo viene sperimentato ciò che serve per adempiere al proprio compito, che nella piramide non è spiegato ma forse perché era troppo presto anche per il grande Maslow:

–> trasformarsi da potenza a essenza.

Diventare in pratica ciò che si può essere da ciò che si è.

Come a dire, imparare a vedere le cose non per come sono ma per come possono essere. Noi stessi, in primis.

“Il mio compito è diventare”.

<<<

Se l’articolo ti è piaciuto, CONDIVIDI e aiutami a divulgare.
Facciamo crescere QUESTO BLOG.

Sono un imprenditore che ha a cuore la responsabilità non solo d’impresa ma anche di quella legata al ruolo sociale dell’imprenditore.

Desidero un’impresa che sia strumento per migliorare le persone e il MONDO.

>>>

Leonardo Aldegheri
****
Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi su Facebook Leonardo Aldegheri  + Instagram leonardoaldegheri
www.leonardoaldegheri.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *