QUINDI? ALLA FINE, CHI SIAMO?

QUINDI? ALLA FINE, CHI SIAMO?

#227

Siamo chi siamo, ma anche chi raccontiamo di essere.

E non solo:

siamo le storie che CI raccontiamo.

Un turbinio di pensieri, dialogo interno, conferme e riconferme, a volte in un mix di vittimismo tipo “ecco, hai visto che..”. CHE COSA?

Quasi una sorta di pessimismo cosmico.

E invece NO, non siamo veramente nulla di tutto questo.

Disidentificarsi da tutto ciò che ci si aggrappa sulla pellaccia CI LIBERA.

Non è che non dobbiamo più essere niente, tutt’altro.

È che ogni volta che ci si appiccica sopra un etichetta alla nostra pelle, quella ci sottrae una parte di essere:

SONO QUELLO CHE SONO.
A prescindere.

Che non significa: sono un architetto.
Sono uno studente universitario.
Sono una mamma.

Sono tutti ruoli. E siamo contemporaneamente più cose!
Come a dire che siamo quello che stiamo facendo in quel dato momento.

Ad esempio, una mamma: brava, meticolosa, affettuosa con i figli e organizzata in casa e nella logistica, con abilità sociali e in più, magari anche brava a letto col marito.

Quante cose è, questa mamma?
Nessuna!

Lei È lei, e basta. Il resto sono “cose”.

Non siamo niente di tutto questo.

SIAMO.

Ed è già TUTTO.

Prendiamo ad esempio questi magnifici fiori. Non pensano, vibrano. Vibrano e basta. Sono la loro stessa bellezza. Sono soltanto il loro “essere”.

È questo ciò a cui dovremmo aspirare: ad ESSERE.

Tutto il resto è solo contorno. Congetture che alimentano squilibri, pensieri che transitano nella nostra testa e che colpevolizzano altri che manco ne sono a conoscenza, un po’ come prendersela col proprio fidanzato quando lei sogna che lui – nel sogno – ha fatto chissà che.

Sono tutte “aggiunte”. Aggiunte prive di senso.

“La vita non ha senso, la vita ci dà senso”.
– cit. Luca Nali che cita la grande Alda Merini

GODIAMOCELA, questa vita.

(interessante articolo del Sole24Ore qui).

<<<

Se l’articolo ti è piaciuto, CONDIVIDI e aiutami a divulgare.
Facciamo crescere QUESTO BLOG.

Sono un imprenditore che ha a cuore la responsabilità non solo d’impresa ma anche di quella legata al ruolo sociale dell’imprenditore.

Desidero un’impresa che sia strumento per migliorare le persone e il MONDO.

>>>

Leonardo Aldegheri
****
Se l’articolo ti è piaciuto continua a seguirmi su Facebook Leonardo Aldegheri  + Instagram leonardoaldegheri
www.leonardoaldegheri.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *