fbpx

CONTINUA A COLTIVARE NUOVI PROGETTI E NUOVE REALIZZAZIONI

CONTINUA A COLTIVARE NUOVI PROGETTI E NUOVE REALIZZAZIONI

#293

Mi piace molto questa immagine.

Mi piace tantissimo anche la definizione.

Dire “è una Epifania” è proprio come indicare la bella sensazione di quando scorre come un’energia rigenerante l’idea della festa esattamente come il sangue scorre nelle vene dandoci il piacere della leggerezza e dell’armonia.

Leggi tutto “CONTINUA A COLTIVARE NUOVI PROGETTI E NUOVE REALIZZAZIONI”

QUINDI L’UOMO È CATTIVO?

QUINDI L’UOMO È CATTIVO?

#292

Sto terminando questo libro da 530 pagine circa che sintetizza i due milioni di anni di vita dell’uomo sulla Terra.

Due milioni dopo l’asteroide che ha cancellato la dominazione dei dinosauri, circa 65 milioni di anni fa.

Due milioni su quattro miliardi e mezzo circa di esistenza del Pianeta…

Leggi tutto “QUINDI L’UOMO È CATTIVO?”

COSTRUIRE INTORNO AD UN PENSIERO

COSTRUIRE INTORNO AD UN PENSIERO

#291

Questo è stato il titolo dell’Assemblea pubblica di Confindustria Verona del 17 novembre 2022. Ha aperto i lavori il Sindaco di Verona Damiano Tommasi.

Damiano Tommasi, ex calciatore della Roma e della Nazionale, è oggi il Sindaco della città di Verona.

La seconda potenza europea,

la settima potenza al mondo.

Siamo noi, l’Italia.

Quella del fare, quella del concetto, quella della qualità.

Leggi tutto “COSTRUIRE INTORNO AD UN PENSIERO”

COME LA MADRE, COME IL PADRE. COME LA MOTO, COME L’ALBERO

COME LA MADRE, COME IL PADRE. COME LA MOTO, COME L’ALBERO

#288

Ci sono delle cose per cui essere grati.

Come ce ne sono per cui chiedere scusa. Ce ne sono altre per cui attendere le scuse. Che possono essere accettate e anche no.

Però ora io so che per raggiungere certi livelli di “pace” – o di consapevolezza – occorre più che altro semplicemente avere la mente calma.

C A L M A.

Leggi tutto “COME LA MADRE, COME IL PADRE. COME LA MOTO, COME L’ALBERO”

LA METAVERSE ECONOMY

Un'immagine del metaverso, con colline e una città sullo sfondo

LA METAVERSE ECONOMY

#286

Chi non ha ancora sentito parlare di Metaverso forse vive in un altro mondo!

A parte le battute, il mondo di cui parliamo oggi è proprio il Metaverso.

Devo ammettere che questa parola suona davvero bene e la sua etimologia è parimenti molto interessante.

Meta deriva dal greco e significa OLTRE. Verso è relato all’universo. Metaverso =

Leggi tutto “LA METAVERSE ECONOMY”

L’ATTO VOLONTARIO DELLA CONSAPEVOLEZZA

L’ATTO VOLONTARIO DELLA CONSAPEVOLEZZA

#284

Sono incappato in questa foto cercando quella con David Mckee (vedi articolo precedente).

Risale a una dozzina d’anni fa. Lo ricordo non come un bel periodo. Non tanto o solo perché era l’anno in cui avevo saputo della malattia di mio padre. Ma perché ero proprio io un’altra persona.

Quel mondo non…

Leggi tutto “L’ATTO VOLONTARIO DELLA CONSAPEVOLEZZA”

LA PAROLA SPAZIO

Immagine tratto dallo spazio, tra stelle, pianeti e galassie

LA PAROLA SPAZIO

#282

Ci sono dei motivi per cui noi esseri umani concepiamo la parola spazio come astratta.

Lo spazio cos’è, dopo tutto?

Noi misuriamo la distanza delle cose per percepirle.

Misuriamo la distanza tra noi e le cose per definire lo spazio tra noi e loro, lo spazio che ci permette di sentirci al sicuro, il nostro spazio vitale.

Leggi tutto “LA PAROLA SPAZIO”

QUESTO È IL MODO IN CUI UNO SCRITTORE UNGHERESE HA SPIEGATO L’ESISTENZA DI DIO

QUESTO È IL MODO IN CUI UNO SCRITTORE UNGHERESE HA SPIEGATO L’ESISTENZA DI DIO

#280

Nel ventre di una madre ci sono due bambini. Uno chiede all’altro:

“Ci credi in una vita dopo il parto?”

L’altro risponde:

Leggi tutto “QUESTO È IL MODO IN CUI UNO SCRITTORE UNGHERESE HA SPIEGATO L’ESISTENZA DI DIO”

PRENDERE O LASCIARE

PRENDERE O LASCIARE

#273

Stiamo vivendo un momento storico che potremmo chiamare:

PRENDERE O LASCIARE.

Ecco una riflessione (lungi dall’avere la verità in tasca, per carità, la materia è complessissima), da produttori di libri.

Sembra ci suoni più o meno così ed è una catena di Sant’Antonio praticamente: “se vuoi quella cosa…

Leggi tutto “PRENDERE O LASCIARE”